Rifò: accessori in lana cachemire rigenerata in stile Made in Italy 3.0.

Il progetto Rifò Lab rappresenta il connubio fra la salvaguardia del pianeta e la tradizione plurisecolare di una città conosciuta in tutto il mondo per la sua innovazione tessile, che resiste sul fragile e perfetto equilibrio di un grande tesoro: l’arte manuale.

Rifò e i suoi prodotti in lana cachemire rigenerata nascono da un’idea di Niccolò Cipriani.

Con un passato da cooperante alla spalle che lo ha fatto viaggiare per circa tre anni tra Cina, Vietnam e India, Niccolò ha preso maggiore coscienza del problema della sovrapproduzione che grava terribilmente sul settore dell’abbigliamento.

Tornato in Italia, attratto dal fascino dei valori del Made in Italy 3.0, e seriamente intenzionato a  dare vita a un’economia circolare tradizionale e al contempo rivoluzionaria, crea il progetto Rifò con un gruppo di amici.

Il progetto è stato lanciato con una campagna di crowdfunding che ha permesso in poco tempo di raggiungere il budget richiesto per lanciare il progetto.

https://it.ulule.com/rifo-project/

Rifò crea prodotti in lana cachemire rigenerata realizzando un modello sostenibile che limiti sensibilmente l’utilizzo smoderato di risorse non reversibili ed il rilascio di gas a effetto serra.

Grazie a un processo meccanico ed artigianale che ha visto la luce a Prato più di un secolo fa, Rifò è capace di trasformare gli scarti di lana in un filato che conserva la qualità e la bellezza di un filato vergine.

Per ogni prodotto acquistato, poi, Rifò dona due euro ad un progetto scelto dall’acquirente fra quelli prescelti prescelti da Rifò.

Progetti per il futuro di Rifò sono quelli di aprire una sartoria che adoperi esclusivamente fibre rigenerate e che permetta al pubblico di non rinunciare allo stile e alla qualità salvaguardando l’ambiente.

Questo il loro sito!

http://www.rifo-lab.com/

Leave a Response